UN’OCCASIONE MANCATA

Cosa hanno in comune, Ivan Pavlov e Sandro Bondi?
A prima vista, niente, direte voi (ed è un peccato, aggiungo io; per noi e per Pavlov, intendo dire. Ma andiamo avanti).
Dunque, ieri è successo questo: l’ineffabile Bondi ha parlato a un convegno organizzato a Lugano, dal titolo “Azzurri nel mondo”. A scanso di equivoci, preciso che oggetto del convegno non erano le trasferte della nazionale di calcio, ma una riunione di cittadini italiani residenti all’estero che sostengono il partito in cui Bondi milita.
Deprecando la cattiva immagine dell’Italia diffusa all’estero dai mezzi di informazione, Bondi si è lamentato del fatto che “Rai International è nelle mani della sinistra, e trasmette un’immagine distorta della vita politica italiana”.
Qui è il legame tra Pavlov e Bondi. O meglio, tra il cane di Pavlov e Bondi. Quello scodinzolava quando sentiva il suono della campanella che annunciava il cibo; questi, non appena trova qualcosa che non gli aggrada, tira fuori la parola “comunisti”. I giudici? Comunisti. I giornalisti? Comunisti. Il Parlamento Europeo? Comunisti. La Corte Costituzionale? Comunisti. RAI International? Comunisti.
ALT!
Di riflesso condizionato in riflesso condizionato, stavolta al sommo rappresentante del genio forzitaliota ha detto male. Infatti la RAI dell’era berlusconiana ha, come noto, soppresso la vergognosa pratica di lottizzazione e di spartizione delle poltrone, così diffusa al tempo del precedente governo (comunista, ça va sans dire). E così accade che, in nome della trasparenza e della professionalità, il direttore di RAI International sia Massimo Magliaro, esponente di AN nonché ex segretario e portavoce di Giorgio Almirante.
Il quale Magliaro, in verità, benché (dicono) piuttosto risentito, non ha infierito più di tanto. A commento delle dichiarazioni di Bondi, ha rilasciato una sola battuta: “Esilarante”.
Ecco, dicevo al’inizio, è un peccato che Pavlov (comunista? No, anzi) non abbia fatto in tempo a conoscere Sandro Bondi. Chissà che esperimentone sarebbe uscito fuori.

By Slowhand, 25/10/2004

Questo post è stato pubblicato su OCE

UN’OCCASIONE MANCATAultima modifica: 2004-10-25T18:06:56+02:00da canna_vera
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “UN’OCCASIONE MANCATA

Lascia un commento